L’Eremita ● Significato e interpretazione nei Tarocchi

L'Eremita nei tarocchi di Jean Dodal

L’Eremita nei tarocchi di Jean Dodal

L’Eremita è la nona carta degli Arcani Maggiori, rappresentata da un vecchio con una lunga barba bianca che, con un mantello sulle spalle, procede tenendo una lanterna nella mano destra e un bastone su cui si appoggia con la mano sinistra.

La lanterna, che gli fa luce sulla via, rappresenta la conoscenza segreta a cui solo gli iniziati possono accedere. La lunga strada che deve percorrere non è altro che la ricerca di se stessi. L’Eremita ha i piedi nascosti e il bastone è l’unica cosa che gli permette un contatto con la terra, per attirare su di sé l’energia terrestre che attraverso il bastone l’uomo riesce a percepire.

Dal volto dell’Eremita traspare il distacco dal mondo terreno e dai piaceri fatui. Il tessuto del mantello sembra più prezioso nella parte interna che in quella esterna, come a voler dire che le ricchezze interiori sono più importanti di quelle esteriori. Tutto nell’Eremita esprime saggezza e grande esperienza, e lo dimostrano anche gli strati dei tessuti dall’aspetto vissuto. Può significare maturità.

Questa carta simboleggia in maniera evidente un’introspezione profonda, una meditazione frutto di una conoscenza interiore raggiunta con calma, attraverso la sua esperienza. La carta indica che, se si vuole raggiungere un obiettivo, bisogna impegnarsi a fondo senza fermarsi di fronte alle difficoltà, poiché nulla è impossibile se lo sforzo è pari al desiderio. In merito ai significati divinatori dobbiamo dunque considerare la pazienza e la perseveranza, così come la solitudine e la prudenza.

L’Eremita invita quindi ad andare avanti da soli senza attendere che ci porgano la mano dall’esterno, anche nella solitudine, condizione che mette l’uomo in profonda relazione con l’esterno e gli consente di conoscere a fondo se stesso. La carta indica anche la prudenza, intesa come vigilanza e abilità a capire cogliere il segno divino quando si presenta.

In conclusione, questa carta dei tarocchi invita a prendere le decisioni ponderando ogni occasione, ogni aspetto delle situazioni, e indica di agire con discrezione e con riservatezza. In una parola indica riflessione. Agire senza fretta può voler dire prendersi una pausa, un periodo di solitudine, necessario a volte per capire i propri sentimenti.

Nel complesso l’Eremita può essere una carta positiva, poiché suggerisce che per perseguire gli obiettivi occorre perseverare; può avere tuttavia interpretazioni negative che riportano all’idea di pessimismo o di una persona incapace di cambiare le situazioni.

Altri due aspetti sono infine da evidenziare: da una parte questo arcano significa segretezza e oscurità, ove la stessa lampada illumina solo ciò che è più vicino; dall’altra il concetto di Tempo, con una simbologia forte soprattutto in alcuni mazzi, uno su tutti le Minchiate fiorentine, dove al posto della lampada l’uomo anziano porta in mano una clessidra.

Commento (1)

  • Giovanna Codice 312 Rispondi

    Secondo alcune tradizioni l’Arcano dell’Eremita simboleggia la Filosofia nel senso di percorso interiore di conoscenza. In altre raffigurazioni ai piedi dell’Eremita vi è un serpente, simbolo della saggezza presso i popoli antichi.

    il 9 marzo 2016 alle 14:35

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *