Il Bagatto: Significato e interpretazione nei Tarocchi

Il bagatto nei tarocchi di Jean Dodal

Il bagatto nei tarocchi di Jean Dodal

Il Bagatto, conosciuto anche come il Mago, è la prima carta degli Arcani Maggiori. Nei Tarocchi di Marsiglia viene rappresentato come un giovane vestito di abiti multicolori che tiene nella mano sinistra una bacchetta, mentre con la mano destra sfiora un tavolino.

Sul cappello è ben visibile l’otto al contrario, simbolo dell’Infinito, che riporta al susseguirsi dei cicli dell’esistenza, mentre sul tavolo sono presenti una coppa, un coltello e dei dadi.

La coppa simboleggia l’acqua e la sapienza, il coltello rappresenta l’aria e il coraggio mentre i dadi indicano il potere della volontà, indicato anche dalla bacchetta che tiene nella mano sinistra, che il Bagatto è in grado di esercitare sia sull’intelletto sia sugli istinti, come indica anche la cintura doppia.

Il Bagatto è il principio attivo e simboleggia sulla terra l’essere umano che, possedendo la scintilla divina, è pieno di tante potenzialità, dunque una persona capace di fare, deve solo scegliere un modo di agire. Il numero uno con cui è designata la carta simboleggia proprio il principio, il punto di partenza delle cose, mentre le sue gambe, ritte e disposte a squadra, sono segno di equilibrio.

Le tre facce dei dadi mostrano i numeri 1, 2 e 4 e danno come somma 7 che, moltiplicato per il valore di ognuno, dà 21, il valore numerico più alto degli Arcani Maggiori. Inoltre, il Bagatto ha a disposizione tutti i semi degli Arcani Minori, ovvero un denaro, un bastone, una coppa e un coltello che simboleggia la spada, e quindi questo indica che possiede tutte le forze che compongono l’Universo.

La definizione di Mago riconosciuta alla figura del Bagatto rappresenta dunque la capacità di agire senza difficoltà e di trasformare il proprio lavoro in gioco, e ci rimanda le quattro fasi determinanti per l’apprendimento: Tacere, perché solo nel silenzio dell’animo e nella profonda meditazione si può trovare la via; Sapere, perché solo attraverso la conoscenza, lo studio è possibile ottenere i mezzi per proseguire, traendo spunto dalla cultura per interpretare gli eventi; Potere, perché la conoscenza libera dall’ignoranza e dà la forza e il coraggio delle proprie azioni.

Commenti (5)

  • Giovanna Codice 312 Rispondi

    Ancora nessuno ha parlato della valenza alchemica del Bagatto che è l’iniziando che, avendo a disposizione sia tutti gli elementi e conoscendo le quattro azioni richieste per l’iniziazione (rappresentate dai 4 elementi sul tavolo), ovvero sapere, amare, osare e tacere, si accinge alla grande opera alchemica di trasmutazione di sé stesso e degli altri.

    il 9 marzo 2016 alle 12:22
  • Francesco Rispondi

    Ciao sono Francesco cod.314. Un bel sito che aiuta a capire di più i tarocchi. In questo caso possiamo parlare della carta del Bagatto, il personaggio ci comunica movimento che deve creare e autocrearsi. Esprime anche abilità,diplomazia e capacità di persuasione.

    il 29 febbraio 2016 alle 18:47
    • valentina Rispondi

      sono d’accordo con te francesco e anche anna,rappresenta grande forta di volonta e a volte anche una guida o un maestro. valentina cod309

      il 1 marzo 2016 alle 8:28
  • anna Rispondi

    ciao sono anna cod 310
    il bagatto è carta per eccellenza della creatività e
    della fantasia l’importante è che sia costruttiva

    grazie

    il 29 febbraio 2016 alle 16:17
  • valentina Rispondi

    quest’articolo è molto dettagliato utile a capire il significato del bagatto,io la vedo come l’inizio di qualcosa,dalla conoscenza di se stessi e la propria volonta di cambiare il proprio futuro

    il 29 febbraio 2016 alle 14:57

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *