Predire cartomanzia

predire cartomanzia

Predire cartomanzia

Predire cartomanzia

Quella della predizione è un o dei punti cardini attorno ai quali ruota la cartomanzia e l’attività dei sensitivi. Lo scopo della lettura dei tarocchi, infatti, è da sempre la scoperta di ciò che il destino ha in serbo per noi.

Si tratta di una vera e propria esigenza che l’umanità ha sempre avuto: il bisogno di sapere cosa accadrà nel proprio domani è così forte, da spingere l’essere umano alla ricerca di un modo per appagare questo desiderio.

Cartomanzia: origini

Le origini della cartomanzia non sono bene precise e, sebbene si tratti di una pratica molto antica, le prime testimonianze scritte risalgono al Medioevo. Uno degli aspetti più affascinanti di questa pratica esoterica riguarda la presenza, in tutte le culture e le civiltà, di pratiche religioso o mistiche che assomigliano a quella della cartomanzia.

In pratica, anche in tempi in cui l’uomo viaggiava poco e la diffusione delle informazioni era estremamente lenta e lacunosa, è possibile trovare delle similitudini in alcune usanze e tradizioni tra civiltà lontane. Tutto ciò apre ad una riflessione che vede al centro l’essere umano e il suo naturale bisogno di andare oltre il mondo conosciuto, di esplorare universi fatti di energia, per trovare le risposte alle sue domande esistenziali.

Le fondamenta della cartomanzia

La cartomanzia risponde al bisogno di verità da parte dell’umanità e, per farlo, necessita di tre elementi: un bravo sensitivo, un mazzo di carte e un consultante fedele.

Quella del sensitivo è una figura controversa che, purtroppo, nel corso dell’ultimo secolo ha perso credibilità a causa si ciarlatani e approfittatori. C’è stato un tempo in cui gli oracoli, ovvero i sensitivi, erano persone rispettate dalla società e addirittura temute.

Si è quasi sempre tratta di figure poste ai limiti della società ma che venivano interrogati all’occorrenza dal popolo ma anche dai capi, dai re e dai governatori.

Oggi i sensitivi sono persone che, a fronte di un’innata dote empatica, hanno alle spalle anni di studio e pratica.

Le nostre professioniste di Cartomanzia Studio Futuro sono state attentamente selezionate per offrire ai nostri clienti consulti affidabili e seri.

L’altro elemento indispensabile durante una lettura di cartomanzia sono le carte che, in gergo, vengono definiti Arcani e possono essere Maggiori o Minori. Gli Arcani Maggiori riescono a predire il futuro a lungo termine o, sarebbe meglio dire, riescono a dare risposte sulle domande esistenziali.

Gli Arcani Minori, invece, riescono a chiarire le idee su concetti meno importanti, ovvero danno indicazioni aiutando a prendere decisioni (es. accetto o no un lavoro, accetto o no un invito a cena, etc.).

Il terzo e ultimo elemento indispensabile quando si parla di cartomanzia è ovviamente il consultante, cioè colui che desidera ottenere la risposta dagli Arcani. Questa figura deve essere fedele, ovvero avere fiducia nel cartomante e nell’arte della cartomanzia.

Per far sì che una lettura dei tarocchi sia efficace è necessario essere chiari e sinceri con il sensitivo che, in questo modo, può connettersi con le nostre emozioni.

 

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *