Tarocchi, leggerli con il metodo del si e del no

tarocchi metodo del si e del no

Tarocchi, leggerli con il metodo del si e del no

Quando ancora la tecnologia e il telefono non erano all’apice dello sviluppo, come lo sono oggi, la lettura dei tarocchi avveniva esclusivamente di persona. La cartomante e il richiedente il consulto erano quindi in una situazione di alta interazione che faceva sì che il lettore dopo aver disposto le carte sul tavolo cominciasse la sua digressione su ciò che riusciva a osservare della vita del proprio cliente.

L’avvento del progresso, così come la volontà di immediatezza nell’ottenere lumi riguardo il proprio percorso, portano sempre più spesso le persone a prediligere le forme di cartomanzia via telefono o via chat e a desiderare anche di avere consulti che forniscano risposte sicure senza conversazioni basate sui significati dell’interpretazione delle carte.

Il metodo del si e del no dei Tarocchi

In quest’ambito trova grande applicazione il metodo del sì e del no per la sua facilità appunto, di rispondere a questioni secche da parte della clientela: troverò un lavoro? Il mio compagno mi ama? Avrò dei gli entro l’anno? Sono solo alcune delle domande che i clienti pongono sempre più spesso, e in questa formula, durante un consulto, desiderando quindi di ottenere un responso certo.

Si tratta di un compito non semplice per la cartomante che deve fare appello a tutta la sua abilità per leggere e interpretare il significato di una combinazione di carte e concentrarlo in una sola volta.

Ma come funziona il metodo del si e del no?

Dopo aver mescolato le carte la cartomante le passa al cliente, questi pronuncia a voce alta la questione che lo assilla, dopodiché divide il mazzo in cinque mucchi. La cartomante prende quindi la prima carta di ognuno dei gruppi: se trova una figura diritta la risposta è affermativa, diversamente è negativa. Alcune carte hanno un valore particolare: la centrale per esempio vale doppio, due “sì”, oppure due “no”. Non c’è possibilità di ottenere un esito dubbio, pertanto se finisce in pareggio, si tolgono quelle carte, si azzera il risultato e si ricomincia con un nuovo giro. In caso di un pareggio che si ripete per tre volte ci si deve abbandonare alla volontà delle carte che non vogliono fornire alcuna risposta o che permettono la coesistenza di due diversi esiti, o ancora ci deve soffermare sulla domanda che può essere stata posta in maniera errata.

E’ un compito difficile e che richiede anni di pratica e consultazioni, al fine di ottenere dei consulti capaci di soddisfare le nostre domande. Il nostro centro di cartomanzia vanta anni di esperienza e di successi che hanno reso felici molti dei nostri clienti.

Per questo motivo e per avvicinare il lettore alla sua prima esperienza di cartomanzia, abbiamo attivato un numero gratuito per poter usufruire di un consulto totalmente gratis e provare la maestria della nostre cartomanti.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *