Leggere il futuro con le carte napoletane

Leggere il futuro con le carte napoletane

Leggere il futuro con le carte napoletane

Leggere il futuro con le carte napoletane vuol dire regalarsi la possibilità di approfondire alcune situazioni della vita quotidiana e ottenere dei chiarimenti non solo sul domani, ma anche sul presente. Si tratta di un modo per darsi delle risposte, ma anche – perché no? – di porsi ulteriori domande. Non sono rari i momenti della vita nel corso dei quali si fa fatica a decidere che strada percorrere o a capire se il percorso che è stato intrapreso è quello giusto. Si è sempre circondati da persone i cui comportamenti e i cui gesti possono non essere di facile comprensione, ed è anche per questo motivo che ci si può rivolgere alle carte napoletane.

Come è fatto il mazzo di carte napoletane

Ci sono 40 lame a comporre il mazzo di carte napoletane, le quali sono suddivise in quattro semi: i bastoni, i denari, le spade e le coppe. Il mazzo napoletano si distingue da quello dei tarocchi perché non comprende gli arcani maggiori, mentre si basa sulle carte numerate fino al 7 a cui si aggiungono le tre figure di corte, che in ordine di importanza sono il fante, il cavaliere e il re. Non si tratta solo di differenze grafiche, ma anche di significato. Ecco perché non ha senso mettere insieme carte o metodi diversi, in quanto i principi interpretativi a cui attenersi non sono gli stessi.

La dignità

Si dice che le carte napoletane hanno una dignità: vuol dire che il loro significato cambia a seconda che escano dritte o rovesciate. È, questa, una caratteristica peculiare di questo tipo di mazzo, mentre in molti altri casi le figure sono tagliate a metà e dunque simmetriche da un lato o dall’altro. Anche nel mazzo napoletano ci sono alcune carte a metà, e in tal caso bisogna basarsi sulle carte limitrofe per arrivare a una interpretazione corretta.

I quattro semi

A ogni seme corrispondono dei campi della vita ben precisi. I denari, per esempio, hanno a che fare con gli affari, con i beni materiali, con il commercio e più in generale con tutto ciò che riguarda gli aspetti economici. Le spade, invece, riguardano i giochi di potere e la giustizia, ma anche la sofferenza, gli inganni, i tradimenti e gli ostacoli in cui ci si può imbattere nel corso della vita. Le coppe sono relative ai rapporti sociali, e quindi alla famiglia, alla coppia, alle amicizie, ai sentimenti e alle feste. Infine ci sono i bastoni, che richiamano la forza fisica e la volontà, così come il lavoro.

Le figure di corte: fante, cavaliere, re

Per leggere il futuro con le carte napoletane è necessario conoscere anche il significato delle figure di corte. Ebbene, il cavaliere simboleggia un evento in divenire, mentre il fante e il re riguardano le persone coinvolte in un certo fatto. A seconda dei casi, le figure di corte forniscono indicazioni sui tratti psicologici e sui ruoli ricoperti dalle persone, e a volte anche sulle loro caratteristiche fisiche.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.