Jodorowsky e la via dei tarocchi

Jodorowsky

Jodorowsky e la via dei tarocchi

Jodorowsky e la via dei tarocchi

“La Via dei Tarocchi” è un’opera letteraria scritta dall’autore cileno Alejandro Jodorowsky, a quattro mani con Marianne Costa.

Lo scopo del testo è quello di offrire la sua interpretazione dei 78 Arcani che costituiscono il mazzo di carte dei tarocchi. Per scrivere questo testo l’autore del libro Alejandro Jodorowsky si è avvalso della collaborazione di un suo amico e maestro cartaio Philippe Camoin.

Un lavoro a quattro mani

I due esperti di carte e tarocchi hanno studiato diversi manoscritti antichi per ricostruire la storia della cartomanzia partendo dalle prime testimonianze scritte. Hanno confrontato tra loro diversi testi e hanno raccolto tutte le informazioni a nostra disposizione per creare il libro “La Via dei Tarocchi”: un manuale d’uso di cartomanzia.

Grazie l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche hanno creato un software che è in grado di combinare tutte le informazioni raccolte dai due studiosi, al fine di mettere in rete un gioco che effettua un atto divinatorio nuovo ed innovativo.

Di fatto, l’intero lavoro di Alejandro Jodorowsky smantella, in buona parte, l’interpretazione degli Arcani offrendo un nuovo e inaspettato punto di vista. Si tratta di una vera e propria innovazione della disciplina divinatoria per come la conosciamo noi.

Il libro: la rivoluzione della cartomanzia

Il testo scritto a quattro mani da Jodorowsky e Costa è diviso in varie sezioni ognuna delle quali si dedica ad un determinato aspetto dei tarocchi. Ad esempio, la prima sezione parla della struttura del mazzo marsigliese e della numerologia che offre già una prima interpretazione dei simboli.

Successivamente si passa ad interpretare gli Arcani Maggiore uno per uno, soffermandosi sulla simbologia e le ipotesi di interpretazione. Per ogni Arcano è prevista una breve sezione finale in cui è la carta stessa a prendere parola e raccontare il suo significato intrinseco.

Il capitolo dedicato agli Arcani Maggiori termina, dando spazio agli Arcani Minori e ad altri Arcani che, secondo i due maestri cartai, sono in relazione tra di loro, a coppie.

L’ultima sezione del libro si dedica alla metodologia che andrebbe utilizzata per mettere in pratica un atto divinatorio e una seduta d’interpretazione dei tarocchi a regola d’arte. Un vero e proprio manuale di istruzioni, che permette anche ai novellini del settore di imparare ad interpretare gli Arcani partendo da poche carte, fino ad arrivare ad usare più di dieci carte.

La storia di Alejandro

Jodorowsky si è dedicato per decenni allo studio dei tarocchi, per esattezza sono ben 40 anni che legge testi antichi e si occupa di percorsi terapeutici. Ogni mercoledì legge i tarocchi in un bar di Parigi; porta sempre con sé un mazzo di carte, è sempre pronto a leggere i tarocchi a chiunque e ad interrogare l’occulto per trovare le risposte di cui ognuno ha bisogno.

Jodorowsky usa i tarocchi come strumento terapeutico: attraverso l’atto della divinazione permette alle persone di affrontare quel viaggio introspettivo che permette di guardare in faccia gli ostacoli che ci impediscono di raggiungere la felicità e la realizzazione.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.