Cartomanzia: i Tarocchi per Principianti

tarocchi per principianti

Cartomanzia: i Tarocchi per Principianti

Connetterci con il nostro mondo interiore, leggere il nostro subconscio e diventare consapevoli di noi stessi, ma anche interpretare ciò che ci circonda e comprendere cosa si cela dietro determinati accadimenti. Le carte, partendo dai Tarocchi per Principianti, ci mettono in dialogo con il nostro io e con il mondo esterno.

Va certamente precisato che non si può propriamente parlare di tarocchi per principianti, poiché non esiste una categoria a sé stante in questo universo, ma solo un variegato panorama di mazzi disegnati nel tempo da diversi artisti.

I mazzi per iniziare

Se si è alle prime armi con la cartomanzia, i tarocchi per principianti consigliati sono quelli con figure più chiare e definite, di più facile e immediata comprensione. In questo senso i mazzi da privilegiare sono i tarocchi Marsigliesi, i tarocchi Visconti Sforza, e tutti quelli che appartengono ai cosiddetti classici. Tipologie più nuove e originali potrebbero infatti indurre a interpretazioni erronee se non si è già esperti.

Leggere gli arcani

I mazzi di tarocchi si compongono di 78 carte ma agli inizi è preferibile usare solo i 22 arcani maggiori: ognuno di essi ha un soggetto ben definito che letto in connessione con gli altri fornisce indicazioni su ciò che sta accadendo in un dato momento della vita e su eventuali pericoli che caratterizzano alcune situazioni. I restanti arcani minori, che come detto tralasciamo nel caso di tarocchi per principianti, serviranno ai più esperti a indagare più a fondo e in modo più dettagliato le questioni emerse.

Metodi di lettura

Tra i metodi di lettura più noti per iniziare c’è quello delle “tre carte”: il cartomante apre le carte a ventaglio sul tavolo e il consultante ne sceglie tre: la prima simboleggia il passato recente che ha determinato un evento attuale; la seconda rappresenta il presente che si sta vivendo, e la terza è la carta che fornirà la risposta definitiva sul risvolto futuro della situazione.

Un altro metodo adatto nel caso di tarocchi per principianti è quello della “croce semplice”. Dopo la mescola del cartomante e il taglio delle carte il consultante sceglie un mazzo, da qui saranno estratte cinque carte che andranno collocate secondo un ordine definito: la prima, che rappresenta situazioni favorevoli al consultante va posta a sinistra del cartomante; la seconda che indica invece situazioni avverse alla sua destra. Di fronte al cartomante e in mezzo ma più sopra delle prime due carte, come a formare una croce va posta la terza che permette di analizzare meglio la situazione attuale. Poco più in basso della terza, ma sempre di fronte al cartomante va posta la quarta che chiarisce e indica la conclusione e la possibile soluzione e, insieme alla quinta che va posta tra terza e quarta, propone suggerimenti per affrontare eventi più immediati e/o non facilmente modificabili.

Da ricordare

Le carte non vanno mai considerate singolarmente ma lette e interpretate nel dialogo che si viene a creare con le altre.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.